Come la Beatlemania ha cambiato il mondo

Esattamente 56 anni fa quattro ragazzi di Liverpool si affacciarono per la prima volta al mondo con il loro primo album musicale: Please Please Me; stiamo parlando ovviamente dei Beatles.

Il 22 marzo 1963 nessuno avrebbe immaginato, Beatles compresi,  l’eco mondiale che sarebbe scaturito da questo primo album e dai successivi; con oltre un milione di copie vendute, il disco fu top one delle classifiche inglesi per ben 30 settimane, ma soprattutto rivoluzionò totalmente il concetto di album che sino ad allora era composto prettamente da cover di artisti già noti o esperti.

L’enorme successo musicale dei Fab Four è già largamente noto a tutti, questo articolo racconta dunque la risonanza politicaeconomica e sociale di questi giovanissimi artisti in soli 8 anni di musica.

La musica dei Beatles venne presto presa d’assalto dai giovani di tutto il mondo e con essa anche i suoi temi: l’amore certamente, ma soprattutto quello per il prossimo, chiunque esso sia; John, George, Paul e Ringo avevano un messaggio per il mondo e lo hanno urlato forte e chiaro dall’Inghilterra fino agli Stati Uniti, all’india o al Vietnam: un messaggio di pace in un mondo in subbuglio totale. Lennon fu persino considerato un nemico pubblico dalla Cia e dal FBI a causa dei suoi appelli contro la guerra in Vietnam e dei suoi attacchi alla politica estera americana.

Gli anni sessanta si raccontano attraverso i Beatles: milioni di ragazzi in tutto il mondo si sono rivisti in quei quattro artisti ingovernabili e ribelli, hanno aperto gli occhi, buttato giù confini e inneggiato quell’amore e quella pace di All You Need Is Love, di Revolution, di Yellow Submarine o di tantissime ancora.

Libertà sessuale, diritti politici, parità di sesso, ecologia; la Beatlemania è stata una rivoluzione musicale quanto culturale , ha portato, insieme ad altri movimenti , a quell’apertura mentale che ad inizio anni sessanta era ancora lontana,  ad un desiderio dei giovani di stare insieme, di diventare una fascia sociale compatta, fatta di musica, moda e idee.

Nel pieno della Guerra fredda i Beatles hanno fatto tremare persino il Cremlino, nonostante la loro musica fosse vietata perché espressione della cultura occidentale, i giovani russi non seppero  resistere al fenomeno Beatles, gli album arrivarono comunque oltre il Cremlino illegalmente, talvolta addirittura incisi su radiografie. Non è assurdo pensare allora che i Fab Four abbiano in qualche modo influito sulla futura caduta del muro di Berlino.

A livello economico la Beatlemania non fu da meno, tanto che Steve Jobs la definì il suo modello ideale di businesssoprattutto per la capacità di aver trasformato talenti individuali tanto diversi, in uno, collettivo e potentissimo. In otto anni di “carriera” il quartetto ha condizionato incredibilmente non solo il mondo discografico, vendendo oltre un miliardo di dischi, ma tutto il mondo dell’ arte e della moda immettendo sul mercato un nuovo look tutto beatles: dal caschetto fino agli stivaletti di pelle. Il loro manager Brian Epstein seppe intuire il cambiamento culturale che stava per avvenire tra i giovani degli anni sessanta e lo anticipò costruendo una nuova immagine per i Beatles decisamente originale e che sarebbe presto diventata un fenomeno economico mondiale.

La musica dei Beatles è ancora oggi un “edificio” incredibilmente solido, al quale chiunque è a modo proprio legato. A partire dagli anni ’60 i ragazzi di tutto il mondo hanno potuto identificarsi con un particolare genere di musica che ha contribuito a definire un’ identità culturale, un bisogno di espressione tra i giovani di tutto il mondo. Vi è la necessità che la musica “solida”, quella portatrice di messaggi forti continui ad essere realizzata, perché questo spirito critico di espressione non rimanga legato alla retro utopia di decenni passati. 


2 pensieri riguardo “Come la Beatlemania ha cambiato il mondo

  1. Per la prima volta, riesco a soffermarmi con attenzione alla profonda importanza storica culturale e sociale che il famosissimo gruppo riuscì ad assumere negli anni , non solo, dunque, i motivi musicali ben noti, ma sopratutto il contenuto intrinseco del loro messaggio in generale. Grazie per l’articolo ben scritto e narrato.

    "Mi piace"

  2. Per la prima volta riesco a soffermarmi, con attenzione,sulla profonda valenza storica,culturale e sociale che il famosissimo gruppo assunse negli anni , e, non solo, quindi sui motivi musicali ben noti, ma sopratutto sul contenuto intrinseco del loro messaggio in generale. Grazie per l’articolo ben scritto e narrato.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close